Hatha Yoga

 

Immagine: Yogadaniel.com

“Mens sana in corpore sano”, perché già i nostri antenati romani avevano capito l’indissolubile commistione tra mente e corpo. Se il movimento e l’attività fisica sono componenti importanti di una mente sana, allo stesso tempo il corpo di un essere pensante non potrà mai tirare fuori il meglio delle sue capacità senza un cervello che lo coordini. Si pensi solo agli intrepidi nuotatori in mare aperto, che, abbandonata l’acqua piatta a temperatura controllata delle corsie di piscina, percorrono chilometri in balia di onde e intemperie, con nessuno nei paraggi a soccorrerli in caso di bisogno. Ed è proprio qui, per confessione degli stessi campioni olimpici, che entra in ballo lo yoga.

Le culture orientali, in particolare i grossi poli di influenza che sono stati e sono tuttora India e Cina, hanno sempre dato una grande importanza alla componente mentale e riflessiva delle attività sportive. Le celebri arti marziali, praticate oggi in tutto il mondo, si basano in minima parte sulla forza bruta, quanto piuttosto sul controllo che una mente appropriatamente allenata può esercitare sul corpo che controlla. Da qui gli apparenti miracoli degli atleti in grado di spaccare mattoni in pietra con un solo colpo di mano, all’interno del quale sono però riusciti a far convogliare tutta la loro energia.

Immagine: Buono ed Economico
Immagine: Buono ed Economico

Meno concentrato sulla forza e più sul dominio della mente è invece lo yoga, originario dell’India e conosciuto e studiato in occidente soprattutto nella sua variante hatha. Simile al buddhismo nella pratica ma priva in sé di uno scopo religioso, questa tecnica si concentra all’inizio esclusivamente sulla mente, una componente di cui trascuriamo molte delle potenzialità, che per conoscere a fondo richiedono di estraniarsi dalla fisicità per sospendersi nel mondo della meditazione. Sarà dopo aver preso coscienza del tesoro che abbiamo dentro di noi, che potremo riconnetterci con il nostro corpo e farlo muovere in sintonia con noi.

È grazie allo yoga che i nuotatori di cui parlavamo un attimo fa riescono a estraniarsi dai pensieri e, perché no, dalla paura dell’ignoto, diventando un tutt’uno con il proprio corpo. Ed è proprio questo che affascina la curiosità di persone di tutto il mondo e di tutte le provenienze sociali: il sentirsi sicuri e a proprio agio, sia dentro che fuori. Le preoccupazioni della vita di ogni giorno e lo stress che ha spesso conseguenze nefaste anche per il fisico, con il fiorire di disturbi psicosomatici, possono infatti essere tenute alla larga da una mente allenata a non darvi peso.